MASSA DI PECORONI

Per la serie “Il cinema fa bene, se è buon cinema fa ancora meglio” ovvero “I film che piacciono a Francesca” – Grazie a Stefano Proietti del “Gruppo A.T.A.C” per il bel suggerimento! 

DON BASTIANO (al patibolo): E voi, massa di pecoroni invigliacchiti, sempre pronti a inginocchiarvi, a chinare la testa davanti ai potenti! Adesso inginocchiatevi, e chinate la testa davanti a uno che la testa non l’ha chinata mai, se non davanti a questo strummolo qui! [indica la ghigliottina] Inginocchiatevi, forza! E fatevi il segno della croce! E ricordatevi che pure Nostro Signore Gesù Cristo è morto da infame, sul patibolo, che è diventato poi il simbolo della redenzione!

Inginocchiatevi, tutti quanti! E segnatevi, avanti! E adesso pure io posso perdonare a chi mi ha fatto male. In primis, al Papa, che si crede il padrone del Cielo. In secundis, a Napulione, che si crede il padrone della Terra. E per ultimo al boia, qua, che si crede il padrone della Morte. Ma soprattutto, posso perdonare a voi, figli miei, che non siete padroni di un cazzo! E adesso, boia, mandami pure all’altro mondo, da quel Dio Onnipotente, Lui sì padrone del Cielo e della Terra, al quale – al posto dell’altra guancia – io porgo tutta la capoccia!

Flavio Bucci ne “Il Marchese del Grillo” di Mario Monicelli, 1981

1 commento su “MASSA DI PECORONI

  1. Comincio a credere che non sia un problema di onesta, bensi di un grandissimo  disagio mentale. Questa gente non e in grado di capire, non e in grado di relazionarsi col mondo, non capisce quello che ha davanti. Questa gente e pericolosa e manipola le menti delle centinaia di pecoroni che li seguono. Sarebbero in grado di negare qualsiasi cosa che vada contro quello che pensano e questo perche il loro cervello non e in grado di elaborarlo. Un gruppo di scimmie che lancia le proprie feci contro tutti quelli che vi stanno intorno. Credo che questa gente vada aiutata. Sono un pericolo per loro stessi e per la societa in generale. Ignoranti, stupidi, intolleranti e fieri di esserlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *